20 consigli per risparmiare consumo carburante – Guidare risparmiando benzina auto


  • Condividi
  • Condividi

1| PASSARE AL METANO  -40%

(1€ al Kg – 10/15 KG pieno per 300 km!) Io di qualitàprezzo.org non utilizzerei mai il GPL, forse sbaglio, ma non trovo differenze grosse dal Diesel. Col Metano, a fronte di un bagagliaio e accelerazione ridotti, avrete un risparmio enorme, può capirlo solo chi ne è in possesso. Dopo 3 auto a GPL adesso ne ho una a metano, e le prossime saranno tutte così! Zero dubbi.

-

2| ELIMINARE ATTRITI SUPERFLUI +40%

PORTAPACCHI E SPOILER : Smontare il portapacchi dell’auto quando non serve, fa consumare un monte e crea rumori (Portapacchi+sci=+40%). I finiestrini chiusi alle alte velocità.

-

3| VELOCITÀ ALTE +10% ogni 10Km/h

Da evitare! Dopo i 100Km/h il consumo dell’auto cresce esponenzialmente per gli attriti. Da 90 a 120 la differenza è altissima! Ma anche da 110 a 130Km/h. E la velocità efficiente ? La minima con la marcia + alta, max rapporto “velocità/giri” (70-90/Km/h). Ricorda, +10% ogni 10Km/h in + oltre i 90. Dopo i 60Km/h, finestrini chiusi.

-

4| MARCE ALTE E GUIDA DOCILE -20%

Evitare numero di giri alto, passando a una marcia superiore al massimo a 2500 giri (motori diesel max 1500). Possiamo camminare in 5° a 1600 giri. I motori moderni sono appositamente concepiti per questo. Viaggiare sotto giri però fa consumare troppa benzina. Con quasi ogni vettura puoi viaggiare in quinta anche nei centri abitati.

Durante il freno motore, la centralina taglia completamente l’alimentazione di benzina agli iniettori dopo alcuni secondi che tu hai inserito la marcia e tolto il gas (niente consumi), ma non esagerare col numero di giri (evitare la zona rossa del contagiri). NB Discendere in folle invece, consuma benzina. Evitate le brusche accelerazioni (maggiore distanza di sicurezza da chi ci precede), così frenate anche meno e meno dispersione di energia. Decelerare se lontano vedete un semaforo rosso, non accelerate e poi frenate inutilmente.

-

5| PNEUMATICI A BASSO CONSUMO -5%

Utilizzare pneumatici “fuel saver”. Nelle nuove etichette la resistenza al rotolamento è espressa in una scala di valori che va da A a G. Costano leggermente di più ma, alla lunga, gli pneumatici “fuel saver” si ripagano da soli.

__Michelin Energy Saver
__Bridgestone Ecopia
__Bridgestone Turanza T001
__Goodyear EfficientGrip
__OptiGrip &  __Pirelli Cinturato

-

 

6| PNEUMATICI Sgonfi +6%

La convergenza errata aumenta l’attrito con la strada, idem per gomme sgonfie, aumentano superficie dello pneumatico in terra. Gonfiarle ogni 2 mesi per: una guida sicura, risparmiare benzina e aumentare la durata delle gomme.

TABELLA DELLE PRESSIONI Io utilizzo sempre la pressione massima. Controllare la pressione da “fredde”. Da calde hanno pressione maggiorata dall’aria calda interna.

-

7| FILTRO ARIA OTTURATO ?  +15%

Verificate la pulizia del filtro, a volte basta soffiarlo un po’ col compressore, altre meglio sostituirlo ma costa pochissimo.

E l’olio lubrificante vecchio ? Maggiori attriti e quindi sforzo maggiore al motore per lavorare. Controllare spesso le candele dell’auto.

-

8| CLIMATIZZATORE +20%

- Evitare temperature troppo basse;
- Evitarlo per brevi tratti;
- Spegnerla poco prima di arrivare;
- Evitarlo a basse velocità (tenere i finestrini aperti).

Vi ricordo che funziona elettricamente e indirettamente aumenta il consumo anche del 20%. Parcheggia all’ombra e utilizza vetri scuri, raffredderai l’auto in meno tempo e riesci a mantenere la temperatura con meno consumo.

-

9| SOSTA > 10sec. SPEGNERE MOTORE -10%

Mettersi in auto quando c’è meno traffico. Io utilizzo il GPS anche nelle mie zone, mi da percorsi ottimali che non avrei mai fatto e scopro nuove strade non trafficate. I motori diesel a fermo consumano pochissimo.

-

10| CARBURANTE

Solo self-service, si risparmia, non capisco perché no! Ci sono compagnie “No-Logo” o “Pompe Bianche” e con prezzi ottimi, se la differenza è bassa resterei su una commpagnia nota, meglio se non fa campagne a punti, dove nel prezzo a litro si annega il costo del gioco a premi. Se troviamo un prezzo molto basso, bancomat e PIENO.

Sfruttare le promozioni (es. week-end) e se avete punti, convertiteli in “benzina”. Non andare a far benizna e poi mettere 10 o 20 €, ne spendiamo di benzina per andare dal benzinaio.

-

11| CAR POOLING & RIDE SHARING

Car Pooling –  autostradecarpooling.itcarpooling.it  Condividete i posti liberi della vostra auto con altri, ormai è una realtà! …e sfruttate quelli che mettono a disposizione. Spesso i tratti di strada sono brevi e si fanno quotidianamente, e spesso o si paga chi prende l’auto o ci si alterna, una volta con la nostra auto, una volta il “partner”.

Ridesharing –  blablacar.it Come prima, ma su tratte non abitudinarie e viaggi lunghi. ES. Roma Milano da 20€, Torino Venezia 18€ …

Car Sharing – Potete condividere la vostra auto con un gruppo. Ma se non desiderate mettere a disposizione la vostra, potete utilizzarne una in affitto; i comuni più grandi le offrono a prezzi bassissimi. Vi abbonate annualmente, e poi pagate un tot. per ogni ora e Km, ma i prezzi sono bassissimi. Nelle auto “car sharing” non fumare, non trasportare animali, il serbatoio deve essere pieno per almeno un quarto e la macchina va riconsegnata nello stesso parcheggio in cui è stata prelevata. Scrivete su Google “Car Sharing Napoli” per trovare il car sharing del comune di Napoli, e così via.

-

12| RIDURRE I PESI & AUTO PICCOLE

Il bagagliaio non è un ripostiglio e il peso di oggetti inutili, in accelerazione aumentano molto il consumo (qualcosa meno a velocità costante). E se al 90% in auto sei da solo, inutile trasportare ogni volta 2 tonnellate di ferro solo per te, acquistare auto piccole!

 -

13| MOTORI ELETTRICI O BENZINA

Ormai i modelli sono tanti, quelli elettrici, quelli elettrici e a benzina insieme, quelli che recuperano l’energia in frenata e caricano le batterie…. ma il mio sito si occupa di risparmio, non di inquinamento. Dunque, un motore elettrico inquina meno, ma un’auto elettrica costa troppo (anche 50% in + senza incentivi), e poi le batterie vanno sostituite e costano delle sassate.

Poi c’è: “range anxiety” (paura di rimanere a piedi), scarse colonnine, scarsa autonomia…. Quando la ricerca ci darà batterie leggere, capienti e durature, le auto elettriche si diffonderanno.

-

14| NON RISCALDARE AUTO A FERMO

Non riscaldare il motore prima di partire: a meno che non siate intorno allo “0” trovo inutile stare qualche minuto fermo col motore acceso.

Io parto dopo 30 secondi e tengo le marce alte (1500 giri), l’auto la riscaldo marciando (un motore freddo consuma più benzina).

-

REGOLE DEL VIVERE SOSTENIBILE