30 consigli utili per risparmiare gas metano e caldaia per riscaldamento – Ridurre consumi GAS


  • Condividi
  • Condividi

1| SCEGLIERE TARIFFA MIGLIORE

Trovaofferte del “Autorità per l’energia” su trovaofferte.autorita.energia.it/trovaofferte/TKStart.do

ALTRI COMPARATORI TARIFFE GAS
1- Energia.supermoney.eu __2- Mybest.it/
3- Sostariffe.it __________ 4- Facile.it

1) Scelta della tariffa migliore, come per le assicurazioni auto. Prima della liberalizzazione del settore energetico, c’era Enel, ora si può passare dal mercato a maggior tutela verso il mercato libero e scegliere autonomamente il proprio fornitore. Oltre ad Enel ed Eni, c’è Edison Energia, Sorgenia, E-On…

2 – 3| TERMOSIFONI

2) – Non coprirli in alcun modo (coperte, stracci, mobili…), attenti a riverniciarli e non posizionarli sotto finestre perché in questo modo riscaldano le pareti più fredde, ma lavorano di più. Per migliorarne l’efficienza in questi casi occorre disporre del materiale isolante tra parete e termosifone.

3) – Ogni termosifone deve avere una valvola termostatica per regolare la temperatura (risparmio 15% gas). Sfiatare i termosifoni prima dell’inverno, aprendo la valvolina e richiudendola quando non esce più aria. 6) - Chiudere in termosifoni nella camere poco frequentate.  Incollare a parete pannelli isolanti e termoriflettenti in modo che il calore non lo assorba il muro ma venga riflesso verso il centro della camera, soprattutto se il muro affaccia all’esterno.

4 – 8| CALDAIA

4 – Temperatura impianto di riscaldamento a non più di 18°C.

5 - Utilizzare caldaie a condensazione ad alta efficienza (-35%).

6 – Dormire la notte sotto i 10 gradi fa anche bene alla salute. Se riduci di 1°C una camera, risparmi il 6% di energia, meglio impostare la temperatura più bassa e indossare un maglione.

7 – Controllare la caldaia, non solo per la sicurezza ma per renderla più efficiente! …poi è obbligatorio (meglio ad agosto e settembre quando gli addetti possono dedicarci maggior tempo). In caso di sostituzione della caldaia assicurarsi di acquistarne una ad alto rendimento.

8 – Impostare temperatura ottimale, non troppo calda in modo da non dover perdere tempo e acqua nel raggiungere temperatura preferita. Il timer dovrebbe attivare la caldaia un’ora prima che ci alziamo al mattino e due ore prima di andar a letto la sera. Coibentare i tubi che trasportano acqua calda.

 

9| PANNELLI SOLARI

9 – Utili per produrre acqua calda anche in inverno, sia per lavarsi che per il riscaldamento. I pannelli di oggi costano poco rispetto a prima e rendono molto di più. Attenzione che l’acqua potrebbe uscirvi molto ma molto bollente!

 

10 – 15| RIDURRE DISPERSIONI (detraz. 55%)

FINESTRE
10 – Solo a vetro camera (doppio vetro) e telaio finestra in legno o PVC.

11 – Abbassare gli avvolgibili delle finestre appena fa buio per impedire la dispersione del calore interno attraverso i vetri delle finestre.

12 – In inverno areare aprendo le finestre nelle ore più calde e in estate nelle ore più fresche.

13 – Isolare il cassonetto degli avvolgibili (in inverno il calore fuoriesce anche da lì).

PORTE
14 – Sotto la porta di ingesso applicare un “para spifferi”.

PARETI
15 – Su quelle perimetrali dell’edificio, incollateci sopra pannelli di sughero, polistirolo o cartongesso per isolamento termico, e coibentare pareti esterne con cappotti termici, soprattutto quelle esposte a  nord, le più fredde. Rivestire il sottotetto con materiali isolanti.

 

16 – 19| IN CUCINA

16 – Le pentole centrarle sulla fiamma e quando il fuoco è acceso tenere il coperchio sulla pentola. La fiamma non deve mai fuoriuscire.

17 – Spegnere la piastra un po’ prima della fine cottura, al fine di sfruttare il calore residuo.

19 – Per cuocere, preferire le pentole a pressione e di grandezza adeguata alla fiamma, e non mettere un litro d’acqua per 100gr di pasta.

19 – Per scongelare e riscaldare the, latte….utilizzare il microonde.

20 – Utilizzare lo spargifiamma: retina che sparge la fiamma uniformemente in modo che la pentola si scaldi prima anche a fiamma bassa. Se possibile cucinare a castello: il cibo cuoce e il vapore di questo cuoce altro cibo.

 

21 – 22| RISCALDAMENTO

21) – Utilizzo di una stufa a metano. Personalmente, invece della caldaia in casa utilizzo una stufa a metano, produce fino a 4KW di calore e con 1 o 2 € può restare accesa quasi tutto il giorno (Sicar ECO45), evito di disperdere calore riscaldando tubi, muri…. Ogni mese spendo 30€ di gas tra cucina e riscaldamento autonomo; il centralizzato conviene se l’impianto è efficiente, pagano tutti, e siete numerosi in casa.

22) -  Distaccarsi dal centralizzato, solo quando conviene realmente. Dal 18 giugno 2013 sarà possibile chiedere, senza attendere il benestare dell’assemblea di condominio, il distacco, basta far redigere una relazione tecnica che dimostri come l’intervento non comporta uno squilibrio termico dell’impianto o aggravi di spesa, ed inoltre sarà necessario continuare a concorrere solo alle spese di conservazione dell’impianto e una parte delle spese di manutenzione straordinaria.

 

23 – 30| RIDURRE CONSUMO ACQUA CALDA

23 – UTILIZZARE FRANGIGETTO AERATI detti anche “riduttori di flusso o areatori” contengono una spirale che spinge l’acqua a roteare aumentando velocità, mischiandosi quindi all’aria aumentando di volume quindi riusciamo a lavarci ugualmente ma con molta meno acqua e gas (se usato per la caldaia). Poi è inutile tenere al massimo il rubinetto. Risparmio del 40%

24 – BAGNO O DOCCIA Con un bel bagno rilassante consumiamo +150 litri d’acqua, con una doccia 40 litri. Tenere il rubinetto chiuso quando ci insaponiamo e massaggiamo il cuoio capelluto durante lo shampoo.

25 – LAVARSI LE MANI Bagnarsi le mani, chiudere il rubinetto, fregarsi col sapone un minuto e poi riaprire l’acqua solo per risciacquare.

26 – RADERSI Tenere rubinetto chiuso quando ci radiamo, laviamo i denti, ci guardiamo allo specchio… Un flusso d’acqua consuma anche 20 litri/minuto (10000 litri risparmiati).

27/28 – LAVARE I PIATTI Raccogliere l’acqua in una bacinella o nel lavello e tenere i piatti a mollo con detersivo. Pulire i piatti subito dopo i pasti, togliere lo sporco più grosso, usare l’acqua di cottura della pasta per lavare i piatti e le stoviglie permette di ottenere un risparmio non soltanto idrico ma anche di energia e di detersivo (oppure sciogliere un cucchiaio di bicarbonato in acqua calda o spruzzatore all’aceto). MENO DETERSIVO USI E MENO ACQUA NECESSITI!

29 – SCONGELARE Tira fuori dal freezer il prodotto ore prima o usa il microonde, non usare getto d’acqua tiepida.

30 – RUBINETTERIA Se a 2 manopole consuma più acqua nella miscelazione alla temperatura voluta.

Nessun articolo correlato.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro