Migliore lavatrice qualità prezzo – Lavatrice quale scegliere


  • Condividi
  • Condividi

La lavatrice migliore
Non esiste, dipende dalle esigenze e dall’offerta sottocosto che trovate. Per certo io personalmente la comprerei solo se Bosch prodotta in Germania e Inverter

QUALE MARCA ?
Dipende dal budget e dal fattore rischio. Meglio 700/1500 € per una Miele o Bosch prodotta in Germania, o una da 200 € sottocosto che per due anni sicuro funziona perché in garanzia ? Oggi le lavatrici non sono come prima, non sono progettate per durare 20 anni, qualsiasi marca. Se spendete 1500 €, e dopo 2 anni a fine garanzia è da sostituire la scheda elettronica, sono guai. Valutare, tra le lavatrici che ci interessano, quali sono più facilmente riparabili e quanto distano i centri d’assistenza da casa nostra e soprattutto comprare solo inverter.

 

MIGLIORE ACQUISTO

600€
AEG, Miele o Bosch (Bosch solo se prodotta in Germania)

300 €
Rex / Candy / Zoppas / Ariston Aqualtis / Smeg

 

 

 

MARCA PER MARCA

 

BOSCH – Ottime se prodotte in Germania e inverter (N. 1 secondo me e si trovano a 600€ su trovaprezzi.it)
AEG e MIELE – Prodotti validi ma costosi. Le Miele hanno il cestello a nido d’ape, evita la formazione delle pieghe.
LG – motore privo di cinghie quindi silenzioso.
SMEG – ottime lavatrici qualità prezzo.
ZOPPAS – è qualità Aeg, ma a prezzo inferiore.

 

 

FAQ

In base a cosa scelgo una lavatrice ?
- Utilizzo (quantità di lavaggi da effettuare)
- Vicinanza del centro di assistenza
- Capacità di carico
- Consumo energetico
- Rumorosità
- Semplicità d’uso
- Spazio a disposizione
(poco spazio ? meglio carica dall’alto)

 

Cosa non devo guardare ?

- Estetica
- La centrifuga (800 o 1000 giri sono + che sufficienti)
- Silenziosità (non è fondamentale)
- Comandi touch o digitali

 

Comandi Touch o vecchi pulsanti e manopole ?
- I comandi touch sono più versatili (Es. salvare i propri programmi, anche se il Touch è + difficile da imparare e navigare), ma un apparecchio di elettronica spinta costa anche di più quando si guasta. Personalmente a un display preferisco un seistema analogico, ovvero i sistemi più manuali.

 

Dove postare domande a esperti in caso di dubbi ?
- http://elettrodomestici.plcforum.it/index.php?/forum/61-lavatrici-asciugabiancheria/

 

 

 

DETTAGLIO PER DETTAGLIO

RUMOROSITA’
Se abbiamo la bioraria lavando spesso di sera e siamo in un condominio, dovremmo valutare una “inverter” o silenziata perché quelle economiche hanno motore elettrico che si sente molto durante lo scarico dell’acqua e la centrifuga.

 

CENTRIFUGA
In giri al minuto, è la capacità di togliere l’acqua dal bucato, + è alto il numero dei giri, + i vestiti usciranno asciutti. Con troppi giri stropicciamo i panni, e se delicati li danneggiamo e poi sono difficili da stirare. Vanno bene già a 800, ma molto meglio a 1000, che sarebbe la giusta via di mezzo tra “non-stropicciamento” e efficienza energetica.

 

CAPACITA’ DI CARICO
LAVAGGI A SETTIMANA ? 2 ? Se sei single farai un paio di lavaggi a settimana al massimo, e bastano 250 € per una discreta lavatrice e una capienza anche di 3Kg (il piumino si porta in lavanderia), 6 Kg per una coppia, 9-12 Kg se avete figli.

Quelle economiche sono in genere rumorose e durano meno, meglio quindi le inverter, silenziose e molto più affidabili nel tempo, poi hanno spazzole molto durature (a volte garantite 10 anni o 2000 lavaggi). Le spazzole sono dei “consumabili” nel senso che si consumano e vanno sostituite dopo tot lavaggi.

 

CARICA DALL’ALTO
SVANTAGGI
- Apertura cestello inserimento panni molto piccolo
- Se riempi troppo il cestello
- Costo
- Minore scelta
- Non appoggiare oggetti sul piano superiore
- Se la guarnizione si ammuffisce si deve sostituire, non si può pulire.
VANTAGGI
- Ottima se avete mal di schiena
- Minimo ingombro
- Tecnicamente sono migliori a carica frontale, ma con carico dall’alto non affaticate la schiena e occupano meno spazio. Convengono le misure standard perché hanno più concorrenza e meno artifizi per la produzione, rispetto ai modelli Slim, bassi, stretti…

 

MOTORE INVERTER
VANTAGGI
- Silenziosità
- + longeva
- Minor consumo
- La tecnologia usura meno la lavatrice (spesso le case offrono garanzia per 10 anni)

 

 

LAVATRICE O LAVASCIUGA?
Se si ha l’idea di voler acquistare prima o poi un’asciugatrice, allora può essere conveniente comprare direttamente una lavasciuga, soprattutto se si ha poco spazio in casa per ospitare due elettrodomestici per il bucato o non si ha la possibilità, per disposizione di mobili, di impilare asciugatrice e lavatrice.

 

 

SISTEMI DI SICUREZZA
I sistemi di sicurezza per le lavatrici sono piuttosto importanti, ma anche piuttosto diffusi per cui probabilmente anche il modello standard ha tutti i sistemi necessari per evitare di avere la casa allagata.
Sistema antiallagamento o anti trabocco Controlla la quantità di acqua nel cestello e in caso di eccessivo carico o in caso di malfunzionamento, blocca l’acqua e avvia lo scarico.
Sistema anti-bimbo Blocca i comandi della lavatrice in modo che i bambini non possano modificare le impostazioni di lavaggio durante il funzionamento.

 

LAVASCIUGA O LAVATRICE
Molto meglio lavatrice se principalmente dovete lavare, quindi eviterei la lavasciuga se avessi un pochino di spazio per stendere i panni. Poi col pieno carico i panni non si asciugano, dovete svuotarlo un po’.
SVANTAGGI LAVASCIUGA
- I programmi di lavaggio sono mediamente minori;
- Non possiamo riempire il cestello (nel caso, asciugare il bucato in due fasi);
- I modelli della lavasciuga generalmente sono meno numerosi e vari rispetto a quelli di una lavatrice quindi meno concorrenza.

 

 

CONSUMARE MENO


Ecco una etichetta descrittiva presa in prestito da altroconsumo. Ora c’è la A+++, che è meglio di A++, ma tra una classe e l’altra il risparmio è sui 10 € all’anno, quindi attenzione al prezzo della lavatrice, perché il sovraprezzo lo recuperereste in 50’anni. Quindi una classe A con tre “+” forse ancora non conviene.

Meglio se la lavatrice scelta ha programmi brevi (da 14 a 40 minuti circa) e quelli eco elettricità/acqua. Alcuni hanno programmi speciali efficaci anche a basse temperature, attraverso l’impiego di vapore (come nel caso della TruSteam di LG o SteamCare di Miele) o attraverso l’immissione di aria (come nel caso dell’Ecolavaggio di Samsung). Ottimi anche i modelli con allaccio dell’acqua calda, sempre che abbiate l’impianto predisposto con entrambi gli agganci, sia acqua calda che fredda (se la lavatrice non deve scaldare l’acqua in entrata perché attinge a quella del proprio impianto autonomo, allora consumerà molto meno).

Lavare a basse temperature (dai 15 ai 20° circa) è la moda del momento. Sono molti i modelli che propongono ottimi risultati di lavaggio con temperature molto basse (quindi risparmiose) grazie a funzioni particolari come vapore o bollicine. La lavatrice consuma meno della metà dell’acqua con il lavaggio a 30° C rispetto a quello a 90° C; oggi molti detersivi sono efficaci sotto i 60° C.  Se il bucato richiede  lavaggio intensivo 1) metti tutto a mollo per una notte, 2) spegni la lavatrice per qualche ora mentre i capi sono insaponati:
Programma meno dispendioso in base al peso Grazie a sensori interni, pesa il bucato calibrando il lavaggio in base alla quantità di bucato, allo sporco e alla qualità dei tessuti.
Partenza ritardata 1 a 24 ore dopo, consentendo di sfruttare, a seconda del contratto, le ore più economiche. Dal venditore fatevi mostrare come si pulisce il filtro e come si estrae la vaschetta dei detersivi. Il trattamento anticalcare va fatto, e dipende dall’acqua che avete a casa. Io lo faccio raramente.

 

Nessun articolo correlato.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro