Comprare TV 3D 3 dimensioni – Guida per acquistare televisore 3D Led online


  • Condividi
  • Condividi

Comprare TV 3D
Guida per acquistare televisore 3D Led online

Acquistare televisione 3D

1 – Come funziona?
2 – Quali tecnologie 3D esistono ?
3 – Quale tecnologia conviene, plasma proiettore o LCD Led ?
4 – Storia del 3D
5 – Ma il 3D e gli occhialini provocano disturbi ?
6 – Compatibilità occhialini
7 – Quanto costerà in futuro ?
8 – Per saperne di più
9 – Comprare TV 3D

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –
1 – Come funziona?
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

Quando con gli occhi osserviamo una scena, ma soprattutto quando osserviamo oggetti vicini a noi, le immagini percepite dall’occhio destro sono molto differenti da quelle dell’occhio sinistro. Quando invece vediamo gli oggetti lontani, le due immagini sono molto simili. Il nostro cervello interpreta questo dissassamento con una prospettiva, ovvero rendendo una percezione di terza dimensione.

Dunque, per visualizzare immagini in 3 Dimensioni su di una superficie piatta (ES. Tv, pannello da proiettore….) c’è bisogno di far osservare un’immmagine all’occhio destro e una differente all’occhio sinistro. Come è tecnicamente possibile ? Leggi il seguente paragrafo!

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
2 – Quali tecnologie 3D esistono ?
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

A – TV Autostereoscpoiche (no occhialini)

Un display autostereoscopico consente all’osservatore, privo di occhiali o altri dispositivi dedicati in prossimità del suo corpo, di percepire un’immagine tridimensionale, fornendo due immagini differenti ai suoi occhi.

La visione di questi tipi di stereogrammi è fortemente limitata dal fatto che la corretta percezione è possibile solo se l’osservatore si pone in una zona ben delimitata, caratterizzata da un piccolo angolo di visione, quindi puo’ essere vista da un certo numero di spettatori, ES 5/10

Sono già sul mercato giapponese per le piccole dimensioni (che in Italia non si sarebbero vendute) e per il videogiocho Nintendo 3DS (ma uno scermo così piccolo poi non ha molto senso 3D percho le emozioni provate sono davvero blande per un Film o altro).

Le future TV autostereoscopiche costeranno tantissimo all’inizio, creeranno problemi alla vaisione perchè non ci si puo’ spostare più di qualche centimetro, ma dovrebbero aggancere il normale segnale bluray 3D di adesso.

  • Fonti
  • http://www.crit.rai.it/eletel/2004-2/42-6.pdf
  • http://www.juma.tv/wp-content/uploads/2010/12/1000Canali_Articolo.pdf

.

.

B – Tecnologia a Occhiali Attivi (occhiali shutter)

Come suggerisce il nome, questi tipi di occhiali 3D sono una componente attiva, cioè svolgono un lavoro per tradurre l’immagine  e possono essere Occhiali Shutter o occhiali display:

La tecnologia Shutter funziona creando un paio di occhiali con una lastra di vetro particolare (tipo LCD) che, quando attivato blocca la luce, si annerisce molto velocemtente permettendo alla luce di raggiungere alternativamente l’occhio destro e l’occhio sinistro.

Utilizzando questo metodo sarà visibile effettivamente la metà della frequenza di aggiornamento di uno schermo. Così, se utilizziamo la minima frequenza d’aggiornamento di una TV 3D (120Hz) ogni occhio vedrà 60 fotogrammi al secondo. Con questa velocità l’alternanza non si nota ma apparirà come una scena naturale.

Questi comunicano con il trasmettitore in modo da sincronizzarsi sull’otturazione. Il problema sta prima di tutto nel fatto di dover indossare occhiali, poi ci potrebbe essere cross-talk (un aggiornamento del pannello LCD non perfetto per cui un pixel per l’occhio Dx viene visto anche dall’occhio Sx ad esempi, poi gli occhialini vanno caricati, costano, sono relativamente pesantini, e quindi poco confortevoli. Se in famiglia siamo in 4 e inviatiamo amici per un film, 10 occhialini (obbligatoriamente della stessa marca del televisore) ci costano 1000 €.

  • Pesanti e poco confortevoli
  • 100 € al paio
  • Un occhiale per ogni marca di TV

- – -

C – Tecnologia a Occhiali Passivi (polarizzati)

Questo tipo di occhiali 3D sono più comunemente utilizzati su monitor 3D di fascia alta e cinema3D. La maggior parte delle persone che hanno visto un film in 3D al cinema avrà usato qualche tipo di occhiali polarizzanti. IMAX utilizza occhiali con polarizzazione lineare e Real3D usa polarizzazione circolare. Questo significa che gli occhiali sono in grado di filtrare due immagini distinte partenti dallo schermo in base alla direzione in cui viaggia la luce visto che la lente di fronte ad ogni occhio è polarizzata in direzioni diverse.

La polarizzazione lineare filtra la luce in base ai componenti verticali e orizzontali, che ha lo svantaggio di obbligare a tenere gli occhi quasi sullo stesso livello (testa ben dritta).
La polarizzazione circolare può filtrare le onde luminose a seconda della direzione in senso orario o antiorario, il che significa che l’immagine stereo viene mantenuta anche se la testa è inclinata.

Lo svantaggio di questi occhiali è che la luminosità della fonte è ridotta, visto che solo la metà della luce globale dello schermo raggiunge ogni occhio. I vantaggi sono che si tratta di occhiali economici per mostrare la stessa immagine stereo a molti utenti (anche 1€)

Sulle Tv di casa (LG sta producendo Tv con filtri polarizzatori), gli occhialini passivi sono una buona alternativa perchè molto più comodi degli occhialini attivi, poi una volta acquistata la Tv, che in media con il filtro polarizzatore costerebbe 200 o 300 € in più, con 20 € si possono comprare 20 paia di occhialini. Lo svantaggio sulle TV è che la risoluzione viene dimezzata a causa della polarizzazione, dove metà pixels sono per un occhio e l’altra metà per l’altro.

  • Leggeri ma pur sempre presenti
  • 1/2 € al paio
  • Per le TV risoluzione dimezzata

.

D – Altri modelli

D1 – Occhiali display

Vengono utilizzati in applicazioni di fascia alta, di solito in ambienti di realtà virtuale o hardware militare.

Si tratta di due schermi LCD completi che possono visualizzare immagini diverse per ciascun occhio, spesso fornendo alta risoluzione e qualità d’immagine per ciascun occhio. Questa è una opzione molto più costosa, tuttavia il risultato è senz’altro una immagine stereo più efficace.

  • - Costosi
    - Pesanti
    - Effetto poco reale

.

D2 – Occhiali anaglifi (lenti colorate rosso e blu)

Questi sono i vecchi occhiali per il 3D con lenti colorate che filtrano le immagini in base al colore . L’immagine stereo non conserva i colori originali ed è generalmente considerato un metodo antiquato di visione stereo.

Però si possono costruire anche in casa con delle plastiche colorate e funzionano benissimo per vedere i filmati in 3D di youtube o altri siti.

- Economici ma bassissima qualita e povertà di colori

.


D3 – Olografia a laser (il futuro)


Un’altra forma di autostereoscopia sarà fornita dalle immagini create col laser. Ci corranno almeno 10 anni ma i risultati sono garantiti, altro che schermi 40 pollici e occhialini.

Forse per i mondiali del 2018 o 2022 già sarà presente, in sostanza possiamo ad esempio andare allo stadio della nostra città e visualizzare sul campo la partita che l’Italia sta giocando in un altro capo del mondo, oppure giocare a Box e avere il nostro avversario avanti a noi che ci sembra davvero reale! Tecnologia matematicamente realizzabile in cui Sony è pronta a investire qualche miliardo di €.

  • - In commercio verso il 2020
  • - Qualità eccezionale e anche molto reale

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
3 – Quale tecnologia conviene, Plasma, Proiettore o LCD Led ?
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

Dunque, come per le TV non 3D, converrebbe comprare una TV Plasma perchè è superiore all’LCD sia perchè fornisce una colorimetria eccellente, sia perchè non ha problemi di aggiornamenti rapidi (cross-talk assente), sia perchè l’immagine è molto reale, soprattutto se parliamo di TV Panasonic! Dato che l’immagine 3D si forma nel campo visivo della TV, una TV piccola è sicuramente un problema! Quindi sfatiamo il mito che una TV troppo grande possa essere un problema, FALSO, altrimenti al cinema nessuno ci andrebbe!

Dunque  per un effetto 3D più coinvolgente è necessario un videoproiettore che agganci segnali 3D. Ecco quindi la nostra graduatoria:

1 – Videoproiettore 3D
2 – TV Plasma (almeno 42″)
3 – TV LCD LED

.

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
4 – Storia del 3D
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

Il 3D si basa sui principi della stereo-visione descritta da Sir Charles Wheatstone nel 1830 ed il primo film proiettato in 3Dimensioni è del 1922, per la precisione il 22 dicembre al Selwyn Theatre di New York. Il film era The man from M.A.R.S.

Altri film precursori famosi sono Il mostro della Laguna Nera (1954) e lo Squalo III(1983), ma la consacrazione del cinema 3D è nel 2009 con famosi film di animazione e soprattutto con Avatar.

Il 2010 è l’anno dell’avvento inaspettato dei televisori 3D in massa, ma già è diffuso per videogiochi, copertine delle riviste o i cartelloni pubblicitari, le decorazioni natalizie in 3D o la parola 3D stampata sulla confezione di qualsivoglia articolo.

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
5 – Ma il 3D e gli occhialini provocano disturbi ?
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

Dipende da persona a persona, ci sono stati casi di clienti di cinema che hanno lamentato mal di testa, vertigini, senso di nausea. Ma non è la norma . Quasi tutti riescono a vedere un film 3D senza  conseguenze, se non emotive.

Se le ottiche delle telecamere sono ben allineate non ci dovrebbero essere problemi, anche se spesso le case sconsigliano filmati 3D a epilettici e chi ha problemi cardiaci, donne in gravidanza, chi ha problemi con l’alcol, mal di testa, convulsioni, disorientamento e alterazioni della vista, potrebbe causare chinetosi, disidratazione dei bulbi oculari e difficoltà nel mantenere l’equilibrio posturale.

In sostanza, i nostri occhi non sono abituati a immagini 3D così dinamiche e veloci, quindi queste stesse immagini possono creare disturbi essendo qualcosa in più alle scene che viviamo tutti i giorni, ma potete stare tranquilli, nulla di preoccupante !

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
6 – Compatibilità occhialini
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

Con le TV auto-stereoscopiche non c’è il bisogno di occhialini, ma fino ad allora necessiteremo di occhiali della stessa marca del televisore. TV e occhialini di marche diverse sono incompatibili.

E visto che non sempre al Televisore 3D è abbinato in vendita 1 o più paia di occhialini non pensate di poter scegliere il prodotto meno costoso .

Gli occhiali shutter funzionano a batteria e devono collegarsi wireless al televisore della stessa marca! Sono quindi ingombranti, pesanti e scomodi da indossare sopra un paio di occhiali da vista.

Oppure ci sono TV con occhialini passivi perchè hanno un polarizzatore (un po’ come al cinema) e sono sufficienti occhialini passivi da 1 €.

Poi ci sono sul mercato occhialini multipiattaforma programmati per i marchi più importanti (Sony, Panasonic, Samsung, LG, Philips….). Costano 200 € ma con un pulsante si adeguano alla maggior parte dei tv in commercio.

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
7 – Quanto costerà in futuro ?
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

Dunque, un TV 3D non è altro che un buon televisore tradizionale (Plasma o LCD) che riesce ad avere una buona frequenza d’aggiornamento (ES. 120 Hz) e possiede un trasmettitore infrarossi che comunica con gli occhialini. Dunque un TV 3D alla produzione costa poco più di un classico TV.

Ora ci sono da smaltire soldi di brevetti e ricerca, ma è facile prevedere un forte avvicinamento del costo dei 3D a quelli standard. Ho la sensazione che tra pochi anni tutti i TV saranno 3D ready, ossia per funzionare basterà comprare un trasmettitore a infrarossi per gli occhialini e sarà una TV 3D a tutti gli effetti. Mentre tutte le TV LCD di fascia medio alta saranno anche 3D.

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -
8 – Per saperne di più
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - -

Tutte le principali marche di televisori  produrranno televisori 3D, LCD o plasma. Saranno tutti televisori di fascia alta,  minimo 32 pollici, ma più frequentemente 40 e 42 pollici, destinati ad un cliente alla ricerca di tecnologia avanzata.

La frequenza minima per poter offrire immagini 3D è  120hz. Comunque vedremo sul mercato Tv con frequenza  di riproduzionie fino a 600hz. La frequenza in ingresso è un altro discorso: un televisore 3D deve accettare in ingresso un segnale di 120 Hz rispetto al segnale in ingresso degli attuali televisori di 24, 50 o 60 Hz. L’HDMI 1.3 non è abbastanza veloce per trasferire un video Full HD a 120 Hz, ed è stato perciò necessario aggiornare lo standard alla versione HDMI 1.4 che fa riconoscere automaticamente un segnale 3D.

Per riprodurre un filmato 3D è necessario generalmente un canale satellitare 3D o un lettore Bluray Disk che sia 3D (BD Player 3D). Anche la PlayStation3 grazie ad uno speciale  aggiornamento via internet, è perfettamente in grado di riprodutte i Blu-ray 3D.

Molte Tv con un processore grafico trasformano le immagini da 2D a 3D, ma ovviamente non è così spettacolare come con i contenuti fatti apposta per le tre dimensioni.  Visto che il sistema utilizza la nitidezza dell’immagine come criterio per identificare i diversi livelli di profondità in base alla messa a fuoco, funziona bene con inquadrature in esterni, in cui lo sfondo è sfocato rispetto al soggetto principale, ma non altrettanto nelle riprese di studio, in cui spesso l’immagine è tutta perfettamente a fuoco.

.

- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –
9 – Comprare TV 3D
- – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - – - –

Comprare TV 3D oggi aprile 2011 potrebbe rivelarsi un cattivo acquisto. Si sa, le tecnologie evolvono a vista d’occhio, i prezzi si abbasseranno sempre più e la qualità crescerà dunque, si puo’ stare sempre ad aspettare ?

Il mondo delle TV 3D è nato da un paio d’anni in buona sostanza, con l’uscita di Avatar è cominciata la vera vendita e dunque i prezzi delle TV 3D contengono il costo dei brevetti e  delle ricerche attuali e passate da dover ammortizzare prima di tutto, e poi le TV LCD ancora oggi hanno problemi di cross-talk da dover risolvere. I prossimi tempi debutteranno le TV autostereoscopiche, ragion per cui è auspicabile un forte calo di prezzi delle “vecchie” TV con occhialini che nel contempo stanno risolvendo un po’ di problemini.

Per comprare un prodotto di qualità, consiglierei un pannello grande (almeno 40″) anche perchè è una falsità assurda che lo schermo troppo grande puo’ dar fastidio, se possibile acquistare un Plasma o un proiettore 3D. Le TV LCD LED consumano sicuramente meno, ma i Plasma rendono un’immagine più vicina alla realtà, e i proiettori offrono un’immagine estesa (siccome l’effetto 3D lo si ha nel campo visivo dello schermo, più questo è grande più l’effetto sarà coinvolgente ed emozionante). Quindi meglio comprare un TV 3D di grandi dimensioni.

Consiglio di qualitaprezzo.ORG per acquistare TV 3D
Plasma _______ Panasonic  GT30 (42″ 1000 €) oppure VT30
LCD LED ________Sony HX800 (40″ 900€)
Videoproiettore __ JVC DLA-RS40 /  JVC X3B
(3500 €)

Consiglio su dove comprare TV 3d
http://www.trovaprezzi.it/
Offerte sottocosto centri commerciali

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro