Turisti per caso: Valle D’Aosta


  • Condividi
  • Condividi

aostaVi va di immergervi nella storia? Avete voglia di scoprire dei luoghi capaci di racchiudere in sé tutto il fascino di un’epoca senza tempo? Allora la Valle D’Aosta, con le sue strette vie e con i suoi ponti sospesi sulla natura fa per voi. E per chi ama il gioco e la buona forchetta? C’è spazio anche per loro.

PONT-SAINT-MARTIN
Si inizia con l’autostrada Milano-Bard, 141 km, superata  la diramazione autostradale per Ivrea si giunge alla prima uscita della valle D’Aosta. Situato nel punto di incontro della vallata laterale di Gressoney con quella principale, disegnata dal letto della Dora Baltea, si scorge l’antico villaggio di Pont-Saint-Martin. Il nome gli deriva proprio dal ponte di epoca romana, ancora in buono stato, su cui passava la via consolare per le Gallie. Maggiori informazioni sul paesino e sulle sue iniziative sono presenti sul sito http://www.comune.pontsaintmartin.ao.it/.

TRA CASTELLI E TESORI
Sul roccione sovrastante il paese, spiccano le rovine del castello fatto costruire nell’XI secolo dai signori di Bard: il primo di tante splendide fortificazioni sparse in tutta la regione. Tra tutte, la più importante è sicuramente quella, di stampo medievale, che si incontra qualche chilometro più avanti a Bard. Si tratta della fortezza su 3 livelli che domina l’accesso alla regione e merita una visita anche perché sino al 3 marzo ospita la mostra “I tesori del Principe”, con i Rubens, i Brueghel, i Rembrandt, i Canaletto e gli Hayez della collezione privata del principe di Liechtenstein. È possibile avere ulteriori informazioni a riguardo visitando il sito http://www.fortedibard.it/.

PER I BUONGUSTAI
Superata la fortezza, a sinistra si districa la piacevole strada che attraversa la Dora Baltea e il piccolo centro di Hone, che porta dritta alla valle Champorcher,  la stazione sciistica aostana più vicina a Torino e Milano. Continuando il viaggio lungo la statale 26 si arriva ad Arnad, centro molto apprezzato dalle “buone forchette” per la famosa produzione di lardo, da gustare anche con miele e castagne, oltre che essere noto per gli amanti della mocetta, una carne secca molto simile alla bresaola che un tempo veniva prodotta con il camoscio. Per sapere quando si celebra la ricorrenza annuale della “festa del lardo”, è possibile andare su http://www.festalardo.it/it/.

COURMAYEUR
Nelle vicinanze di Arnad è possibile scorgere il castello di Vallaise e quello di Issogne, per poi arrivare dritti a Verrès e poi giù sino a Saint-Vincent, dove gli amanti del tavolo verde potranno programmare una sosta al Casinò, volendo anche con cena e pernottamento nell’annesso hotel con spa. Per info vai su http://www.casinodelavallee.it/.

Nessun articolo correlato.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro