Finanziamento auto nuova – Finanziare auto


  • Condividi
  • Condividi

Finanziamento auto nuova



Finanziamento auto nuova – Finanziare auto
INDICE
0.Introduzione
1.Le caratteristiche fondamentali del Finanziamento auto nuova
2.Finanziamento auto: di cosa si tratta?
3.La durata del prestito
4.Le finanziarie e gli istituti di credito
5.La durata e i termini del contratto
6.Ma cosa accade quando una rata non viene pagata?

.

0.Introduzione
La scelta del finanziamento per l’acquisto di una nuova autovettura, è una scelta che deve essere frutto di ragionamenti e confronti validi, in quanto l’automobile rappresenta un bene di prima necessità, praticamente indispensabile nel nostro modo di vivere attuale , dunque una scelta ponderata comporta dei buon volumi di risparmi in termini di denaro.
L’acquisto di un’autovettura comporta necessariamente un dispendio notevole di capitale proprio, e se non si fa la scelta giusta, privarsi di una così notevole somma di capitale, può essere molto gravoso e dannoso per le proprie casse finanziarie; ma la risposta a questo problema può essere proprio la scelta di acquistare un bene di questo tipo attraverso il pagamento di comode rate, attraverso proprio un finanziamento.

.

1.Le caratteristiche fondamentali del Finanziamento auto nuova
Scegliere di acquistare un’automobile, senza però avere a propria disposizione la somma necessaria per l’acquisto ormai non è un problema rilevante in quanto ormai da decenni esistono e sono a disposizione di tutti, dei sistemi di prestito finalizzato proprio per Finanziare auto ed altri beni, che consentono di accedere ad un bene senza però dover pagare l’intera somma dovuta in un’unica soluzione, inoltre grazie a questi sistemi di pagamento si ha la possibilità di non versare denaro in contante che rappresenta comunque una comodità non poco rilevante se si considera la somma da erogare.

.
2.Finanziamento auto nuova: di cosa si tratta?
Il finanziamento per auto non è altro che una forma particolare di prestito definito finalizzato proprio perchè ha lo scopo di acquisire un bene o un particolare servizio.
Come tutti i prestiti che vengono erogati questi hanno un determinato tasso di interesse che rappresenta un forma di prestito per l’istituto erogatore del prestito, di qualsiasi tipo esso sia dunque, una banca , una finanziaria o un venditore di un bene.
Il tasso di interesse viene stabilito in tutte le sue particolarità nel momento in cui viene pattuito e stipulato il contratto di finanziamento.

Solitamente succede che le concessionarie in merito, si prendono loro stesse la responsabilità e l’onere di avviare tutte le pratiche per poter dare inizio alla pratica del finanziamento, attraverso particolari accordi prestabiliti proprio tra le finanziarie e le concessionarie, in questo modo le concessionarie ottengono un doppio vantaggio in quanto in primo luogo la vendita del bene, ed in secondo luogo l’ottenimento di provvigioni proprio dalle finanziarie con cui si decide di prendere accordi.
Quello che succede che la finanziaria o l’ente che deciderà di erogare il prestito, verserà all’interno delle casse del venditore la somma relativa al costo del pagamento, permette al venditore di consegnare all’acquirente l’automobile acquistata.
A questo punto sarà compito del cliente risarcire l’ente erogatore attraverso il pagamento delle rate relative al finanziamento, con inclusi gli interessi.

.
3.La durata del prestito

La durata di un finanziamento ovviamente è un elemento che varia caso per caso, e può essere stabilita da chi decide di sottoscrivere il finanziamento in base alle proprie necessità.
Solitamente le società che decidono di erogare un finanziamento danno la possibilità di scegliere un periodo di rimborso che va dai sei mesi ai sessanta mesi complessivi.
Il finanziamento solitamente può coprire fino all’85% del valore dell’automobile acquistata, fino ad una soglia massima pari a 30.000 euro.
Queste cifre di cui vi abbiamo parlato sono però molto poco indicative perchè in realtà quello che succede attualmente è che spesso le società che decidono di erogare un prestito, pur di riuscire a portare a termine l’operazione sono disposte spesso e volentieri a fornire il capitale necessario per pagare l’intero valore del bene.
Addirittura sono spesso le case automobilistiche che attraverso le concessionarie emettono in questo senso particolari offerte e promozionali tese proprio ad invogliare il cliente ad avviare il finanziamento.
Naturalmente bisogna sottolineare che più la durata del prestito è maggiore, più voluminosi saranno gli interessi.

4.Le finanziarie e gli istituti di credito
I soggetti che decidono di Finanziare auto sono spesso enti specializzati nell’erogazione di prestiti e finanziamenti.
Le finanziarie ovvero i soggetti erogatori del finanziamento possono essere le banche, oppure società direttamente legate alle case automobilistiche o semplicemente particolari società presente all’interno del settore del credito.

Gli istituti bancari solitamente non emetto finanziamenti finalizzati all’acquisto di un bene, ma spesso quel che succede è che emettono dei prestiti a titolo personale, dunque non sono interessate al reale valore del bene da acquistare, ma più che altro alle garanzie di rimborso che il cliente può fornire.
In questo senso gli istituti bancari concedono prestiti solamente ai propri correntisti

Le società finanziarie invece danno la possibilità di accedere ad un finanziamento sia attraverso prestiti personali oppure anche tramite accordi e convenzioni con le società automobilistiche e quindi finanziamenti rivolti all’acquisto di un’automobile.

.

5.La durata e i termini del contratto
Il prestito finalizzato è caratterizzato dai seguenti elemento che devono essere presenti all’interno del contratto.
Il tasso di interesse;
gli oneri in caso di mora e le altre spese aggiuntive;
l’importo del finanziamento e le modalità;
importo, scadenza e numero delle singole rate;
il TAEG (tasso annuo effettivo globale);
le condizioni in cui il TAEG può venire modificato;
gli importi e le causali escluse dal calcolo del TAEG;
le garanzie richieste;
le coperture assicurative.

.

6.Ma cosa accade quando una rata non viene pagata?

Il linea di massima l’insolvenza di un qualsiasi tipo di debito rappresenta una grave forma di inadempienza del cliente nei confronti del proprio creditore.
In questo caso si può subire a proprio carico il pagamento di interessi relativi all’applicazione della mora, inoltre cosa molto più grave si può essre iscritti all’interno della lista dei protestati o cattivi pagatori, mettendo a rischio il proprio futuro finanziario in quanto difficilmente si riuscirà in futuro ad accedere ad altre forme di prestito.
L’unico modo per poter evitare questi sgradevoli inconvenienti è quello di pagare tutte le rate fino a saldare il proprio debito. Nel caso in cui ci si trova nella situazione in cui non sia possibile pagare la rata del finanziamento per un mese allora è fondamentale avvertire l’ente erogatore del finanziamento in modo da poter trovare una soluzione comune.

Nessun articolo correlato.

I commenti sono disabilitati.




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro