Obbligazioni bancarie garantite dallo stato 2011


  • Condividi
  • Condividi


Obbligazioni bancarie garantite dallo stato 2011
Indice
1.Link del settore
2.Introduzione
3.Un nuovo tipo di Obbligazioni
4.Obbligazioni bancarie garantite

.

1.Link del Settore
-http://keyinvest-it.ubs.com
-http://pct.bancopopolare.it/

.

2.Introduzione
Dopo la fiducia riacquisiti nell’Europa si può finalmente tornare a parlare soprattutto engli ultimi mesi delle offerte delle nuove obbligazioni bancarie garantite dallo Stato oltre ad altri aggregati.
La banca Intesa San Paolo ha recentemente abbandonato un’emissione del valore complessivi di circa oltre due miliardi di euro, attraverso una cedola di valore percentuale del 4,375%, con scadenza di 5 anni.
In questo caso speciffico ci riferiamo dunque a particolari tipi di obbligazioni bancarie garantite emesse all’interno del mercato primario, e che dunque non sono state soggette ancora a quotazione all’interno dei mercati secondari, come ad esempio il mercato MOT.
Si tratta dunque di istituzioni prevalentemente volte a trattare al momento questo nuove forme di immissione sul mercato.

.

.

3.Un nuovo tipo di Obbligazioni
Tuttavia, nonostante quanto appena detto, può essere decisamente accattivante analizzare quello che sta succedendo, proprio in vista di possibili innovazioni per quanto riguarda i prodotti dedicati ai risparmiatori di piccola tagli e non solamente per quanto riguarda gli istituzionali.
Tale modifica in atto di compimento tratta principalmente le più importanti modalità di garanzie che vengono chieste alle banche o agli altri operatori di mercato di debito.
Riassumento nella nostra situazione attuale di parziale depressione econonomico finanziaria, si affaccia relativamente ad un presa di coscienza positiva, e di fiducia, anche se le difficoltà in merito sono comunque un problema non facile da sormontare, elemento che causa nelle banche d’europa ad emettere il debito senior.
Il debito senior non è altro che una particolare tipologia di dbito all’interno del quale i creditori ovvero tutti color i quali sono in possesso delle obbligazioni , diventano creditori chirografi cioè non vengono direttamente emessi dalle banche e non sono ecidenziati da particolare beni di garanzia.
In maniera diametralmente opposta invece le obbligazioni garantite danno invece frutto a particolari garanzie ben definite, garanzie che appunto vengono richieste in modo tale da poter diminuire l’entità totale del debito.
Attualmente oltre alla banca Intesa SanPaolo ci sono moltre altre banche che offrono questo particolare tipo di obbligazioni come ad esempio la Bancaa BBVA all’interno del territorio spagnolo oppure Unicredit per rimanere dalle nostre parti.
Attualmente ci sono molti tipi di obbligazioni che possiedono una quotazione all’interno del listino.

.

4.Obbligazioni bancarie garantite
a.ExtraMOT
Cominciamo citando l’ExtraMOT che a cominciare dai mesi di luglio anch’essa dispone di questo nuovo tipo di emissione
L’emissione in questione è rivolta ad investitori di professione anche a giudicare dal lotto minimo negoziabile equivalente a 50000 euro, ma deducibile anche dal livello di riscio del titolo.
Il bond in questione possiede un livello di subordinazione di tipo Lower Tier II.
Dunque partendo da questo presupposto si evince che al contrario del debito senior, nel caso in cui ci dovesse essere un fallimento da parte dell’emittente, i soggetti possessori di questo tipo di obbligazioni riceveranno un pagamento di ordine minore rispetto ai creditori ordinari come color che possiedono una normale obbligazione senior
Ma sfruttando il comparto ExtraMot si avrà comunque la possibilità in maniera abbastabza semplice di negoziare anche se non si possiede il titolo di investitore professionale.Il titolo di cui vi stiamo parlando è stato emesso in grandissime quantità all’incirca 1,25 miliardi di euro, con una richiesta molto alto addirittura il doppio della quantità collocata.
Ovviamante dato il maggiore coefficiente di rischio in conseguenza alla subordinazione si ha un tasso di rendimento equivalente al 5,15%

b.Intesa SanPaolo a lunga scadenza
Il suddetto titolo in realtà non è di nuova quotazione in quanto è presente all’interno del listino di ExtraMot a partire della fine dell’anno 2009.
Il titolo in questione possiede un taglio minimo molto elevato rispetto al normale, probabilmente per poter filtrare l’accesso indiscriminato e rivolgere queste funzionalità solamente a professionisti, anche a causa della percentuale di rischio causata dall’assenza di qualsiasi tipo di nota informativa, riguardante l’emissione di questo nuovo tipo di funzionalità, ideata proprio per istituzioni capaci di gestire il valore di rischio riguardante i piccoli risparmiatori.
Nonostante tutto il valore della dimanda risulta essere sempre molto alto, in quanto nonstante queste limitazioni, i mercati vedono da diverso tempo l’utilizzo da parte dei piccoli investitori di queste forme di obbligazioni una volta amministrate solmanente da istituzioni

In questo specifico caso l’emittente è solido e ampiamente conosciuto, trattandosi di Banca Intesa SanPaolo, inoltre la struttura dell’obbligazione è essenziale, trattandosi di un titolo a cedola fissa del 3,75%, pagata un volta l’anno fino a scadenza, fissata questa nel 2016.

c. Intesa San Paolo obbligazioni a breve scadenza
Ormai da diverso tempo il listino ExtraMOT vede al suo interno titoli di Banca Intesa San Paolo, con svariate scadenze.
Da circa un anno, ovvero da fine 2009, troviamo il titolo con scadenza a fine 2012 e tasso cedolare del 2,625% annuo.
Il taglio minimo è pari a 50000 euro.
Ad ogni modo sia per fonti istituzionali che per piccoli risparmiatori bisogna tenere conto della cedola fissa, oltre al valore della quotazione riguardante le emissione che in origine erano solamente indicate per investitori di professione.
Sottostando a determinate regolamentazioni relativi ai mercati finanziari di riferimento si avrà la possibilità di negoziare questo tipo di strumenti anche se si è privati, generalmente quello che succede è che nel momento un qualsiasi investitore che possiede la possibilità in termini economici può negoziare con questi tipi di strumenti.
Generalmente vengono richiesti solamente alcune particolarità in modo tale da rendere questo tipo di obbligazioni conformi in base alle normative presenti.
Il ruolo dell’ExtraMOT è appunto quello di agglomerare questo tipo di obbligazioni in modo tale da risultare più accessibili a qualsiasi tipologia di investitore, allegando dei prospetti informativi molto riassuntivi in modo tale da soddisfare le regole di mercato.

Nessun articolo correlato.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro