Assicurazione morte mutuo


  • Condividi
  • Condividi

IN SINTESI

Quando andiamo in banca per chiedere l’accensione di un mutuo il bancario che abbiamo di fronte ci proporrà molto probabilmente di sottoscrivere una assicurazione mutuo per il caso morte, una polizza che tutela gli eredi e dunque tutta la famiglia dal rischio di vedersi sottratta la casa su cui grava il mutuo in seguito alla morte del mutuatario, di chi cioè ha sottoscritto il mutuo (in genere il capofamiglia). Questo tipo di polizza conviene a chi sceglie di sottoscriverla – soprattutto a famiglie mono reddito – e conviene alle banche che, in ogni caso, vedranno rimborsato tutto il capitale erogato.

-

LINK UTILI

Siti dove si possono chiedere preventivi gratuiti di assicurazioni mutuo morte:
http://www.mutuionline.it/
http://www.mutuisupermarket.it/
http://www.telemutuo.it/
http://www.mylton.com
http://www.carilo.it
http://www.info-mutui.it

-

ARGOMENTI TRATTATI IN QUESTO ARTICOLO

-Cosa è una assicurazione mutuo o polizza “temporanea caso morte a capitale decrescente”
-Definizione di assicurazione mutuo per il caso morte
-Perché le banche chiedono anche la garanzia di un’assicurazione mutuo per il caso morte?
-È obbligatoria l’assicurazione sul mutuo?
-Consigli utili prima di scegliere un’assicurazione mutuo
-Meglio fare una buona ricerca on line per richiedere dversi preventivi
-Come si calcola il premio assicurativo
-A quanto ammonta il premio mensile per una assicurazione mutuo temporanea caso morte?
-Confronto fra alcune proposte commerciali delle principali banche
-Il periodo di “carenza” nei contratti di assicurazione mutuo
-Ci sono vantaggi fiscali che derivano da un’assicurazione mutuo?
-Assicurazioni in caso di mutuo cointestato

-

COSA È UNA ASSICURAZIONE MUTUO O POLIZZA “TEMPORANEA CASO MORTE A CAPITALE DECRESCENTE”

Quando si stipula un mutuo per l’acquisto della propria casa la scaramanzia è d’obbligo. Certo è che in tempi di crisi come questi in cui non vi è alcuna certezza del futuro più prossimo, stipulare una buona assicurazione che ci protegga dai rischi finanziari legati a un mutuo non è mai una cattiva idea.

Può infatti accadere che chi ha sottoscritto un mutuo possa perdere il lavoro oppure, a causa di un infortunio, può non essere in grado di produrre reddito per far fronte alle rate del mutuo per un determinato periodo di tempo. O ancora, addirittura, può accadere che una famiglia possa andare incontro all’espropriazione forzata della propria casa perché il capo famiglia, o chi ha sottoscritto il mutuo casa venga improvvisamente a mancare.

Sono questi i motivi principali che suggeriscono l’acquisto di una polizza che protegga il mutuo casa da tali evenienze. Così, qualora si verifichi una di queste eventualità l’assicurazione può intervenire in diversi modi:

-in caso di perdita del lavoro o invalidità temporanea dell’intestatario del mutuo provvedendo a pagare le rate del mutuo relativamente al periodo di invalidità oppure di inattività lavorativa (il periodo di copertura va generalmente da minimo 12 mesi a due anni)

-in caso invalidità permanente o addirittura di morte dell’intestatario del mutuo provvedendo a fornire alla famiglia un capitale che possa servire o a estinguere il mutuo in essere oppure come fonte di reddito con cui pagare le rate del mutuo residuo secondo il piano di ammortamento previsto. Quest’ultimo è il caso che trattiamo più approfonditamente in questo articolo

-

DEFINIZIONE DI ASSICURAZIONE MUTUO PER IL CASO MORTE

Dunque qualora si voglia proteggere la propria famiglia dal rischio di perdere la casa di proprietà per morte del capofamiglia interviene la cosiddetta polizza “temporanea caso morte a capitale decrescente”.

Il funzionamento di questa tipologia di assicurazione è semplice: è il contratto mediante il quale chi ha sottoscritto un mutuo si impegna al pagamento di un premio periodico e per un determinato periodo di tempo a una compagnia assicurativa la quale garantisce alla banca stessa che, in caso di decesso del mutuatario, il debito del verrà comunque ripagato.

-

PERCHÉ LE BANCHE CHIEDONO ANCHE LA GARANZIA DI UN’ASSICURAZIONE MUTUO PER IL CASO MORTE?

È facile chiedersi perché la banca chieda questa ulteriore garanzia, e cioè la sottoscrizione di un’assicurazione mutuo contestuale al mutuo stesso, visto che comunque sulla casa soggetta a mutuo la banca iscriverà un’ipoteca, generalmente per un valore doppio di quello dell’immobile a fronte di un mutuo che finanzia nella migliore delle ipotesi l’80% del valore dell’immobile stesso.

Sì, perché il mutuo è un finanziamento a “garanzia reale”. Ciò vuol dire che non comporta rischi per la banca appunto perché esiste questa garanzia ipotecaria sulla casa oggetto del mutuo stesso. In altre parole la banca è sempre coperta dal rischio di insolvenza di chi ha contratto il mutuo.

Il motivo per cui le banche quasi tendono a obbligare il contraente a sottoscrivere una polizza assicurativa mutuo è legata prettamente a ragioni di profitto. Il più delle volte infatti i prodotti assicurativi che propongono sono erogati dalla banca stessa e ciò genera utili consistenti, fino addirittura quasi al 45% del premio stesso.

-

È OBBLIGATORIA L’ASSICURAZIONE SUL MUTUO?

In teoria non lo è. Fino a qualche tempo non era prassi che le banche chiedessero anche l’assicurazione contestualmente all’accensione di un mutuo casa. Oggi invece è diciamo “quasi” obbligatoria. Molto spesso infatti le banche propongono di stipulare assicurazioni che sono prodotti della banca stessa e qualora non vengano accettate le banche si rifiutano di accordare il mutuo oppure semplicemente si rifanno imponendo tassi di interesse superiori a quelli ordinari.

-

CONSIGLI UTILI PRIMA DI SCEGLIERE UN’ASSICURAZIONE MUTUO

Prima di fare passi così importanti come l’accensione di un mutuo è sempre bene richiedere più di un preventivo, sia relativamente al mutuo che alle assicurazioni ad esso correlato.

Infatti non è di per sé obbligatorio scegliere l’assicurazione presso la stessa banca che vi offre il mutuo (anzi, generalmente le banche offrono prodotti assicurativi mutuo molto più costosi) ma possono essere sottoscritte anche separatamente.

In linea di massima è preferibile stipulare una polizza assicurativa con una compagnia che non abbia nessun legame con la banca erogatrice del mutuo. Ciò per essere pienamente padroni della propria polizza. Può infatti accadere che a un certo punto si voglia rinegoziare il proprio mutuo o che si verifichi un peggioramento dello stato di salute del contraente per cui la banca potrebbe chiedere modifiche contrattuali del contratto assicurativo.

-

MEGLIO FARE UNA BUONA RICERCA ON LINE PER RICHIEDERE DVERSI PREVENTIVI

Per scegliere bene è molto utile e vantaggioso fare una buona ricerca on line e richiedere dei preventivi gratuiti via Internet, sia per il mutuo che per la relativa assicurazione. On line infatti il risparmio è assicurato. Ciò deriva dal fatto che le compagine assicurative che operano solo on line possono permettersi tariffe più conveniente perché devono sostenere costi di molto inferiori rispetto alle compagnie assicurative tradizionali. Le compagnie on line non devono sostenere costi gestionali come filiali oppure costi relativi al mantenimento di una rete di agenti assicurativi.

On line dunque si possono ottenere ottimi preventivi. Ci sono anche siti come http://www.mutuionline.it/ o http://www.mutuisupermarket.it/ che offrono la possibilità di avere un rapido confronto fa preventivi di diverse banche. Altri siti interessanti sono http://www.telemutuo.it/, http://www.mylton.com, www.carilo.it e http://www.info-mutui.it

-

COME SI CALCOLA IL PREMIO ASSICURATIVO

In genere le banche propongono il pagamento anticipato del premio assicurativo mutuo in un’unica soluzione. Oppure, in alternativa, propongono di sommare il premio assicurative alle rate del mutuo.

Ogni compagnia assicurativa determina soggettivamente l’ammontare del premio. Certo occorre sempre tener a riferimento alcuni parametri di base che sono innanzitutto la durata del mutuo e l’età di chi lo contrae (in genere nessuna banca assicura mutuatari che superino i 75 anni di età al termine del proprio mutuo). Anche il sesso conta. Infatti se il contraente è una donna – forse non tutti sanno che le donne hanno una speranza di vita superiore a quella di un uomo -  il premio è leggermente più basso. Ci sono inoltre ulteriori parametri come i massimali stabiliti, alcune clausole di esclusione che hanno l’effetto di abbassare il costo del premio ma di ridurre il livello di copertura, le tempistiche e le modalità di rimborso. Sono tutte variabili che possono incidere in modo significativo sul costo della polizza.

Dunque i premi assicurativi sono certamente direttamente proporzionali all’aumentare dell’età del mutuatario. Esistono a tal proposito delle tavole di mortalità che si ricavano da specifiche statistiche di tipo demografico.

-

A QUANTO AMMONTA IL PREMIO MENSILE PER UNA ASSICURAZIONE MUTUO TEMPORANEA CASO MORTE?

Il costo medio va dai 30 ai 50 euro mensili che possono essere pagati in un’unica soluzione e anticipatamente oppure secondo una graduale riduzione del capitale assicurato man mano che decresce il debito residuo.

Secondo un’indagine condotta da Milano Finanza nel febbraio del 2011, più o meno un anno fa, queste erano le tariffe proposte dalle principali compagnie assicurative:

-Gruppo Banca Sella con la polizza CBA Sicurezza Ud e un premio unico anticipato di 2.516 euro su una durata massima di 20 anni.
-Ugf Assicurazioni con la polizza Cpi, premio annuo di 159 euro (con 20 euro aggiuntivi iniziali) oppure 2.271 euro come unico anticipato.
-Alico del Gruppo Metlife con la polizza Mutuovivo, 164 euro annui (premio dovuto solo per i primi 22 anni +10 euro iniziali) oppure 3.442 euro come premio unico anticipato, incluse le spese di emissione.
-Onelife del Gruppo Allianz con la polizza Onelife, 147 euro all’anno (premio del primo anno, rinnovabile di anno in anno).
-Mps con la polizza Mutuo Sicuro Persona, 13,65 euro al mese come premio per la prima rata del mutuo, poi aggiornata secondo l’età e debito residuo.
-CF Assicurazioni con la polizza Salvamutuo SM, 3.900 euro come unico anticipato per una polizza di 10 anni.
-UniCredit con la polizza Mutuo Assicurato Più, 4.461 euro come unico anticipato.
-Bpm con la polizza Temporanea Caso Morte, 193 euro annui
-Barclays con la polizza Famiglia Sicura Barclays, 5.121 euro come unico anticipato
-Cariparma con la polizza Caci Mutui Privati Vita, 6.110 come unico anticipato
-Intesa Sanpaolo con la polizza Proteggi Mutuo Vita, 7.098 euro come unico anticipato

-

CONFRONTO FRA ALCUNE PROPOSTE COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI BANCHE

Come detto più sopra prima di scegliere un mutuo e una polizza assicurativa ad esso correlata è sempre bene richiedere più preventivi on line. Di seguito indichiamo alcune proposte commerciali di diverse banche aggiornate a oggi.

-BNL offre la polizza assicurativa mutuo BNL Serenity abbinabile a mutui BNL sia su mutui BNL già esistenti che contestualmente all’accensione di un nuovo mutuo. Ci sono le versioni base di BNL Serenity, la versione Premium ed Extra a seconda del grado di copertura richiesta. Per maggiori informazioni http://www.bnl.it/ > “Polizze assicurative” > “Assicurazione Mutuo”

-Banca Intesa Sanpaolo propone invece la polizza Proteggi Mutuo Vita che si può attivare in qualunque momento, anche in corso di ammortamento. Ha le seguenti caratteristiche:
-capitale assicurabile pari o inferiore all’importo del mutuo erogato o in corso di ammortamento con il limite di 500.000 euro per intestatario (fino a un massimo di 3 intestatari).
-Premio unico anticipato da versare in un’unica soluzione alla data di decorrenza del contratto.
-Detraibilità fino a 245,32 euro (il 19% su un premio massimo di 1.291,14 euro relativo alle coperture di morte e invalidità totale permanente).
-Durata della polizza uguale o inferiore a quella del mutuo, con i limiti minimi di 2 anni (se la durata della polizza è uguale alla durata del mutuo) o 5 anni (se la durata della polizza è inferiore alla durata del mutuo) e massimo di 40 anni. Per conoscere i dettagli http://www.intesasanpaolo.com/ nella sezione “privati”

-Banca UniCredit propone “Creditor Protection” che offre a chi ha contratto un mutuo, sia in caso di decesso che in caso di invalidità permanente totale avente un grado superiore al 60%, il rimborso dell’intero debito residuo con un massimale di 520 mila euro. Per maggiori informazioni https://www.unicredit.it nella sezione “Assicurazioni”

-Genialloyd del gruppo Allianz offre Onelife che può essere rinnovata ogni anno on line per un massimo di 25 volte versando il premio in base al capitale che di volta in volta il sottoscrittore sceglie di assicurare.

-

IL PERIODO DI “CARENZA” NEI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE MUTUO

Quando si stipula una polizza assicurativa di questo tipo c’è un altro aspetto importante da considerare: è il periodo di “carenza”. Si tratta cioè del periodo di tempo che intercorre fra la data della stipula del contratto e la decorrenza effettiva della garanzia. Tale periodo è di norma di sei mesi o un anno ma ci sono banche che portano tale periodo anche a due anni. Nel caso ad esempio di Genialloyd (sito Internet http://www.genialloyd.it) il periodo di carenza è pari a zero.

-

CI SONO VANTAGGI FISCALI CHE DERIVANO DA UN’ASSICURAZIONE MUTUO?

La risposta è sì. Infatti secondo quanto disposto dal D.P.R. 917/86 è possibile detrarre i premi versati nella misura del 19% fino a un tetto massimo di 245 euro l’anno. Un ulteriore vantaggio deriva dal fatto che il capitale liquidato alla morte del mutuatario non è soggetto alla tassa di successione.

-

ASSICURAZIONI IN CASO DI MUTUO COINTESTATO

Molto spesso sono le coppie a stipulare un mutuo per l’acquisto di una casa e dunque il peso dello stesso viene ripartito tra ambo le parti. In questo caso è facile che sia la banca a proporre un’assicurazione mutuo che, in caso di morte di uno dei coniugi, provveda a coprire la parte del mutuo residuo che grava appunto sul coniuge defunto.

È dunque un espediente che ha lo scopo di tutelare entrambi i mutuatari qualora venisse a mancare uno dei due e l’altro potrebbe non essere in grado di pagare le rate del mutuo anche per la parte relativa al coniuge scomparso. Sarà dunque la compagnia assicurativa a provvedere a coprire il 50% del mutuo residuo a partire dalla data della morte di uno dei coniugi.

Nessun articolo correlato.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro