Tutto sul calcolo interessi bancari – La vera formula calcolo interessi


  • Condividi
  • Condividi



Tutto sul calcolo interessi bancari – La vera formula calcolo interessi

.

.

Calcolo interessi bancari online

- http://www.calcolaonline.com/calcolo-interessi-legali.htm

- http://www.calcolo-interessi.it/

- http://www.telemutuo.it/culturamutui/interessi-mutui.html

.

.

Ecco la formula del calcolo dell’interesse

Potrete se avete necessità calcolare autonomamente l’ammontare dei vostri interessi attraverso La vera formula calcolo interessi,che vi permetterà di calcolare gli interessi bancari.

Interesse= (capitale*tasso di interesse * giorni)/36500.

.

.

Gli interessi bancari

In ambito economico il termine interesse sta ad indicare una determinata somma di denaro, da pagare per poter avere accesso ad un quota capitale in prestito, di solito una quantità di denaro, per un certo intervallo di tempo.

La quota di denaro ricevuta in prestito, viene definita come capitale iniziale, mentre la percentuale del capitale iniziale da pagare annualmente sottoforma orma di interesse viene definita come tasso di interesse.

I tassi di interesse rappresentano degli indicatori fondamentali all’interno die mercati finanziari.

.

.

L’introduzione dell’interesse

La motivazione dell’introduzione degli interessi nel sistema di mercato finanziario , ha motivazioni diverse.

Prima di tutto l’introduzione dell’interesse bancario può essere interpretato come una tipologia di pagamento o retribuzione da effettuare per poter ricevere una quantità di denaro in prestito.

In base all’interesse sulla quantità di denaro ricevuta, l’interesse si può definire come una forma di pagamento che viene viene erogato a a fronte della rinuncia immediata della quantità di denaro da pagare, proprio a fronte della mancanza di denaro.

Terzo, ottenendo in futuro la somma prestata, chi la presta vuole essere ricompensato per la perdita di valore d’acquisto causata dall’inflazione.

Infine la quota di interessa rappresenta una forma di sicurezza per chi decide di erogare il prestito, a fronte del rischio di insolvenza del pagamento da parte di chi richiede il prestito, dunque l’interesse può definirsi come una sorta di premio relativo al rischio di una possibile insolvenza.

.

.

La determinazione degli Interessi

I movimenti e le decisioni che di volta in volta,vengono prese da parte della Banca centrale, a proposito dei tassi d’interesse rappresentano da molto tempo, un ‘argomento molto discusso, e soggetto a molti motivi di protesta, sia per gli esperti del settore, ma anche per le famiglie che usufruiscono dei prestiti, e che dunque devono pagare questi interessi.

Infatti bisogna sempre valutare il valore degli interessi bancari prima di valutare se accedere ad un nuovo investimento, al momento di pattuire quelle che sono le condizioni generali del prestito.

Questi interessi vengono determinati attraverso un processo che viene definito come politica monetaria, che determina qual’è l’andamento dei tassi di interesse, che avrà dunque conseguenza in ambito dei tassi bancari, e dunque sul costo del denaro per chi fornisce un prestito ai loro clienti.

Dunque un istituto di credito decide di intervenire sui tassi di interesse, facendoli a sua volta crescere oppure decrescere il valore degli interessi, e di conseguenza il costo del denaro sempre aumento o diminuendo il valore degli interessi, si hanno subito delle conseguenze per chi possiede un rapporto con le banche.

.

.

In presenza di una crescita del valore degli interessi a breve termine ne consegue:

- La quota della rata da pagare, sarà più elevata, per chiunque decida di accedere ad un prestito o per chiunque abbia – Avuto accesso ad un mutuo con applicato un tasso variabile.

- Prestiti molto più costosi per chiunque decida di accedere ad un prestito o un mutuo.

- I titoli di stato saranno decisamente più appetibili.

Praticamente un determinato istituto di credito, si conformano alle decisioni della Banca Centrale, dunque decidono di aumentare il prezzo del denaro in circolazione, nel momento in cui decidono di erogare un determinato prestito.

In questa situazione dunque chiunque abbia già stipulato un mutuo a tasso variabile, potrà osservare lievitare il valore delle proprie rate a suo carico, mentre chiunque decide di stipularne uno, sarà costretto ad avere più oneri in quanto come previsto dalla Banca centrale un immediato aumento del saggio d’interesse sui contratti ancora da definire.

Per quanto riguarda i crediti a consumo, chiunque decida di chiedere di ricevere un prestito, sarà costretto a pagare rate più salate, dato che qualsiasi tipo di finanziamento, preposto per l’acquisto di un determinato bene verrà applicato un tasso di interesse costante.

Anche per il credito al consumo, chi chiede un prestito avrà rate più pesanti .

In egual modo si assisterà ad una maggiore convenienza nell’investire il proprio denaro nell’ investimento dei titoli di Stato, a reddito fisso, come possono essere ad esempio i famigerati Bot, in quanto in questo caso decresce il prezzo d’acquisto ma e aumento il rendimento.

.

.

In caso di un calo di tassi di interesse

Al contrario nel caso in cui la Banca Centrale decide di calare i tassi di interessi a breve termine, i clienti assisteranno ad un abbassamento del prezzo dei fondi per l’acquisto di un determinato bene o servizio, e le imprese saranno a propense ad investire con un costo minore, e potranno avvantaggiarsi della conseguente propensione a consumare da parte delle famiglie.

Nel momento a cui si assiste ad un aumento dell’inflazione, e ad una discesa del valore dei tassi di interessa, che consegue in una crescita generale della domanda, in forma di consumi, può causare una crescita dei prezzi.

Un fattore che influenzerà anche le famiglie andando a colpire la loro capacità di spese e di conseguenza la ricchezza.

Il ruolo delle Banche centrali dunque e trovare un’ equilibrio, tra il mondo economico, andando a determinare il calo dei tassi di interesse al breve termine e andando a combattere il fenomeno dell’inflazione, che deriva dall’aumento dei tassi di interesse.

Banche centrali

Al giorno d’oggi i più importanti sistemi finanziari insieme alle Banche centrali, amministrano il sistema creditizio, non solo guardando il sistema legislativo ed amministrativo, ma anche nei termini dell’offerta di moneta del sistema finanziario.

In questo modo nel momento in cui si ha necessità di moneta si decide di acquisirla in prestito dalle Banche per un determinato lasso di tempo.

Le Banche centrali hanno un ruolo dunque fondamentali all’interno del sistema finanziario in quanto sono in grado di regolare l’afflusso all’interno del mercato della moneta.

Per fare questo le banche possono agire in due direzioni le riserve di moneta e i tassi di rifinanziamento.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro