Mutuo terreno edificabile


  • Condividi
  • Condividi

.

.

.

.

Mutuo terreno edificabile



Acquistare un terreno edificabile è senza ombra di dubbio un buon affare per un semplice motivo: il costo per la compra del terreno e le spese di costruzione, con ogni probabilità saranno decisamente minori rispetto al valore che acquisirà l’immobile una volta finito. Certo, tutto questo è vero a patto di comperare un terreno in una buona zona ed edificare con gusto e cura per i dettagli.

Se si vuole fare questa operazione immobiliare, bisogna però tener presente che  un terreno  edificabile ha un costo più elevato rispetto ad un appezzamento destinato ad uso agricolo e il valore sarà variabile a seconda della zona in cui è ubicato.

Come gli appartamenti e le ville, anche i terreni seguono il valore immobiliare locale che varia da città a città. Inoltre anche all’interno di una stessa area urbana bisogna valutare se il terreno è ubicato in una zona d’ interesse turistico, vicino ad un centro storico cittadino (cosa non troppo probabile) oppure se è situato in un quartiere periferico o in una campagna circostante.
Una volta stabilito il luogo dove voler vivere ed identificato il terreno adatto, si può valutare la possibilità di coprire l’importo accendendo un mutuo.

A questo punto tuttavia, è necessario evidenziare che un mutuo per l’acquisto del terreno edificabile presenta una grande differenza rispetto ad un finanziamento ipotecario; in quest’ultimo caso viene impegnato in garanzia un immobile, mentre per il caso del terreno invece l’immobile non c’è ancora ma bisogna costruirlo.

I terreni, anche se edificabili, non vengono presi in considerazione         dalle banche come beni ipotecabili perché il loro valore al momento     della stipula del mutuo è nettamente inferiore alla cifra che si vuol richiedere.

In virtù di questa considerazione, esiste anche l’ eventualità che la richiesta venga respinta.

Per aumentare le possibilità di accoglimento della domanda bisogna presentare un concreto e razionale progetto di costruzione. Se il progetto verrà ritenuto idoneo si prospetterà al cliente la soluzione del cosiddetto mutuo a sal; stato di avanzamento dei lavori. L’ipoteca grava infatti solo sull’abitazione che si intende costruire e non sul il terreno  e quindi il prestito verrà finanziato gradualmente in più riprese e dipenderà dalle variazioni del valore del cespite; ad ogni avanzamento aumenterà proporzionalmente anche la quantità erogata. Una prima somma  può essere fornita al momento dell’accensione del mutuo oppure la prima erogazione con frequenza  avviene quando l’edificio è stato corredato del tetto e dei tamponamenti esterni.

Il prestito a sal generalmente copre l’80% del valore che l’immobile raggiungerà, a lavori ultimati.

Se invece il mutuo è destinato ad un ampliamento di un locale già esistente o ad una sua ristrutturazione in questo caso esiste già un immobile su cui poter far gravare l’ipoteca quindi  si potrà richiedere che le somme vengano rilasciate in unica soluzione.

Ė opportuno in ogni caso che nel contratto siano previste alcune clausole specifiche, tra cui i tempi di avanzamento dei lavori, quelli di consegna dell’immobile, i materiali utilizzati nella costruzione etc.

Matteo Morrone Berlingò

Nessun articolo correlato.

Scrivi un commento per favore




























  • RISPARMIARE OVUNQUE
    COMPRARE ONLINE
    • -Quali Siti
    • -Consigli
    • -Mutui
    • -Finanziamenti
  • RIDURRE LE BOLLETTE
  • AUTO & DINTORNI
  • DETERSIVI FAI DA TE
    - Lavastoviglie - Piatti
    - Pavimenti - Sanitari
    - Lavatrici - Acciaio
    - Marmo & Parquet - Vetro